Search   You are here:  TematicheParco del Monte GazzoMuseo Speleologico  
      
   
 Stampa   
 Il Museo Speleologico    

 

entratamuseo.jpg 

Visita al museo

 

Ominide .jpg

L'ominide

 

grotta .jpg

La grotta

                            

 

 Il  museo  di  speleologia  del Monte Gazzo, allestito sulla sommità del monte ( a m. 421 s.l.m.) nei locali del Santuario della Madonna della Misericordia, è stato inaugurato  nel  maggio del 1969 ed ha riscosso notevole  successo,  come  documentato  dal  libro firme.  Nel mese di settembre del 1998 il Museo è stato riproposto nell'attuale nuova sede, completamente rinnovato, anche nell'esposizione.

 

La  presenza  d'affioramento  di  dolomia  norica  costituisce l'intero corpo del monte e, forse, sin dal Medioevo, ha dato origine ad attività estrattive per l'arrostimento nei forni a cupola per la produzione di  calce  magra,  tuttora  presenti  e  ben  conservati sui versanti occidentale ed orientale del Bric del Gazzo.

 

L' attuale esposizione  all'  interno  del Museo  segue  criteri  scientifico - didattici  e  coinvolge  il   visitatore   anche  nel   contesto   storico - ambientale  che   riassume   una   parte   interessante della comunità  di  Sextum,   antico   borgo  di  pescatori,  contadini ed abili  fabbricanti d' imbarcazioni e raccoglie buona parte dell'attrezzatura utilizzata dagli albori della speleologia fino ai giorni nostri.

 

L'esposizione  speleologica  vanta  una  parete  autentica in roccia, venuta alla luce durante i lavori di ristrutturazione  del  locale  che  ha  consentito   la  costituzione  di   una  grotta  con  applicazione  di stalattiti e stalagmiti recuperate  nelle  caverne  del  Monte  Gazzo.  L'ambientazione  con  pipistrelli ed ominidi esercita una forte attrattiva per il coinvolgimento didattico delle scolaresche durante le visite.

 

Nel   museo  si  possono  ammirare  i  quadri   votivi  e  le  testimonianze  di  visitatori  illustri,  quali l'Imperatore  di  Germania  e  Re  di  Prussia  Guglielmo  II,  recatosi  in visita al Santuario con l'intera famiglia nell'anno 1879 e l'Imperatrice e Regina Elisabetta d'Austria e Ungheria il 29 marzo 1893.

 

   
 Stampa   
Home:Chi siamo:Dicono di noi...:Tematiche:Attività:Link Utili:Archivio:Cookies: clicca QUI per info.
Copyright (c) 2018 Amici del Chiaravagna Condizioni d'Uso Dichiarazione per la Privacy